Per le indennità di rischio conta il reparto in cui si lavora.

Corte di Cassazione, sezione L, sentenza n. 23602 del 18 novembre 2015

La Suprema Corte ha avuto modo di affermare che dalla lettura complessiva del testo dell’art. 44 c. 6 del CCNL Sanità si evince che tutte le situazioni per le quali viene prevista l’indennità di rischio (lett. a e b) fanno riferimento ad articolazioni del servizio sanitario (sale operatorie, terapie intensive, servizi di nefrologia e dialisi), non al tipo di patologia con la quale l’infermiere può venire in contatto quale che sia la struttura in cui opera. Ha evidenziato, altresì, che ulteriore conferma sul piano della interpretazione sistematica è data dalla lettura del nono comma del citato art. 44. Tale previsione abilita la contrattazione decentrata, entro definiti limiti di spesa, ad individuare altri operatori che abbiano lavorato nei servizi indicati nel comma 6. Secondo la sentenza richiamata “questo rinvio rafforza l’idea che il concetto di “servizi” utilizzato nel comma 6, è concetto unitario ed omogeneo che vale a indicare strutture dell’organizzazione sanitaria, quali i reparti di terapia intensiva, i servizio di nefrologia, i servizi di malattie infettive, ecc.”.
indennità di rischio Cass23602 18112015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.