Un medico di medicina generale svolge per quasi 30 anni attività di dentista senza comunicarlo all’ASL. Se la cava pagando 24.000 euro

Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale Regionale per il Veneto, sentenza n. 103 del 17 agosto 2016

Un medico di medicina generale svolgeva attività libero-professionale di odontoiatra fin dal 1987, in un appartamento concesso in locazione da una società unipersonale di cui il medico era l’unico socio e rappresentante legale, con 4 riuniti odontoiatrici
Lo stesso medico, in sede di processo verbale di verifica sottoscritto dal professionista, espressamente dichiarava: “svolgo attività libero-professionale di dentista alla quale dedico mediamente una decina di ore settimanali”.
Aveva dichiarato redditi da attività professionale che si assestavano con continuità (almeno dal 2008) su importi da euro 89.513 ad euro 116.944,46,
La Corte dei Conti lo ha condannato a risarcire €. 24.673,92, cioè la restituzione dell’indennità, al netto delle imposte, per la medicina di gruppo degli ultimi cinque anni (gli altri si sono prescritti).
la sentenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.