Il bando deve sempre indicare il valore della concessione, che è il fatturato presunto moltiplicato per la durata

TAR Toscana, sentenza n. 239 del 14 febbraio 2017

Nel merito, il bando di gara deve essere ritenuto illegittimo poiché non ha dato applicazione alla previsione di cui all’art. 167, commi 1 e 2, del d.lgs. 50/2016 il quale impone, anche con riferimento alle concessioni, l’inserimento nella legge di gara del “valore di una concessione, Continua a leggere

Nel Processo Amministrativo Telematico, dal 1° luglio 2016 è inesistente la notifica del ricorso con il formato di firma digitale CAdES, anzichè con quello PAdES

Tar Basilicata 16 febbraio 2017, n. 160 

Ha chiarito il Tar che gli artt. 6, comma 5, e 12, comma 6, dell’Allegato al d.P.C.M. 16 febbraio 2016, n. 40 (recante Regolamento recante le regole tecnico-operative per l’attuazione  del processo amministrativo telematico ) Continua a leggere

La notifica della cartella di pagamento può essere effettuata direttamente dall’esattore con raccomanda A.R.

Corte di Cassazione, sez. 6, ordinanza n. 4379 del 21 febbraio 2017
La notificazione della cartella di pagamento emessa per la riscossione di sanzioni amministrative ai sensi della I. n. 689 del 1981 (e successive modificazioni), è disciplinata dall’art. 26 del d.P.R. n. 602 del 1973 anche dopo la modificazione apportata Continua a leggere

L’ente può disattendere le indicazioni dell’organo di controllo; purchè il dirigente, stabilisca “di dare comunque seguito” all’atto, “sotto la propria responsabilità”

Corte dei Conti, sezione di controllo per la Regione Sicilia, deliberazione n. 55 del 22 febbraio 2017

Ai sensi dell’art. 10 del decreto legislativo n. 123 del 2011, l’amministrazione attiva può disattendere le indicazioni dell’organo di controllo; affinché il provvedimento acquisti efficacia “pur in presenza di osservazioni”, Continua a leggere

Anche la Corte dei Conti della Sardegna si allinea con la Cassazione: le prestazioni non autorizzate ante L. 190/2012, sono di competenza del giudice ordinario

Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per la Regione Sardegna, sentenza n. 19 del 21 febbraio 2017

Sulla natura sanzionatoria dell’obbligazione del dipendente sembrerebbe concordare lo stesso requirente nel contraddire alla richiesta della difesa di scomputare, dall’importo del danno, gli oneri fiscali e previdenziali incidenti sugli emolumenti percepiti, la ritiene “inconciliabile con la natura sanzionatoria dell’art. 53, comma 7, D.Lgs. n.165/2001, Continua a leggere