In caso di mobbing, la prova di assenza di colpa grava sull’ente pubblico. E se il dipendente dimostra la diminuzione del reddito, ha dimostrato il danno

Consiglio di Stato, sentenza n. 2159 del 10 maggio 2017
In caso di mobbing, l’ascrizione della responsabilità al modello contrattuale comporta l’inversione dell’onere della prova

dell’assenza della colpa; la quale graverebbe comunque sull’ente pubblico.
Inoltre quanto all’entità del danno patrimoniale subito, il ricorrente ha adeguatamente provato, mediante l’allegazione delle relative dichiarazioni dei redditi di lavoro autonomo comparabili con quelle degli anni precedenti, il pregiudizio patrimoniale sofferto negli anni accademici in cui sono stati adottati i provvedimenti annullati di esclusione dagli insegnamenti nei corsi tutoriali degli anni 1996/1997 e dalla commissione d’esame (1997/1998) ed incidenti negativamente sul suo prestigio e status professionale.
La differenza reddituale, può essere ridotta del 50% poiché il danno si ricollega eziologicamente all’obbligazione di protezione, accessoria rispetto all’obbligazione principale: ossia non si deve dare attuazione per equivalente al danno da prestazione, bensì va data tutela ex art. 1223 c.c. all’interesse patrimoniale sotteso all’obbligo accessorio di protezione, quantificato, ex art. 1226 c.c., nella metà di quanto richiesto nella domanda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.