Il silenzio dell’amministrazione finanziaria sull’istanza di autotutela non è impugnabile.

Corte Costituzionale, sentenza n. 181 del 13 luglio 2017

Non configura una fattispecie di silenzio impugnabile la mancata risposta dell’amministrazione tributaria all’istanza in autotutela presentata dal contribuente. La Consulta ritiene infatti che l’eventuale affermazione del dovere dell’amministrazione di pronunciarsi sull’istanza di autotutela metterebbe in discussione l’obbligo tributario consolidato a seguito dell’atto impositivo definitivo, rendendo nei fatti l’autotutela una generalizzata “seconda possibilità” di tutela una volta scaduti i termini per il ricorso contro lo stesso atto impositivo. La Corte Costituzionale, propendendo per la prevalenza della tutela dell’interesse pubblico alla certezza e stabilità dell’accertamento tributario rispetto all’interesse del contribuente ad ottenere risposta all’autotutela, ha dunque dichiarato non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 2-quater, comma 1, del decreto-legge 30 settembre 1994, n. 564 sollevate dalla Commissione tributaria provinciale di Chieti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.