Nè la richiesta del Direttore Generale, nè l’urgenza giustificano le anomalie della gara.

Corte dei Conti, prima sezione centrale di Appello, sentenza n. 398 del 05 ottobre 2017

Quanto all’elemento soggettivo della colpa grave, va rilevato che un Dirigente di struttura complessa, gode di ampi margini di autonomia decisionale e gestionale.
Pertanto, se la nota del Direttore Generale del 2012 poteva ritenersi vincolante nella individuazione dell’esigenza che venisse apprestato un servizio di vigilanza efficace, restava poi nella competenza e nella consequenziale responsabilità del Dirigente la determinazione della concreta modalità di realizzazione dell’obiettivo.
Di talché la previsione di requisiti non pertinenti ed eccessivi per la partecipazione alla procedura di affidamento del servizio di vigilanza non può certo giustificarsi con l’esigenza rappresentata dal Direttore Generale di predisporre un servizio di vigilanza efficace.
Neppure, poi, le anomalie del bando possono giustificarsi con le addotte ragioni di urgenza, perchè l’urgenza comunque non sarebbe valsa a giustificare le macroscopiche anomalie della procedura, non esonerando il Dirigente dal porre la massima diligenza nella prediposizione del bando e nella selezione delle imprese da invitare.
Ciò considerato è stato condannato il dirigente al risarcimento del danno erariale in favore dell’Azienda Ospedaliera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.