Anche nel caso in cui la revoca dell’aggiudicazione sia legittima, la ditta ha comunque diritto all’indennizzo

TAR Catania, sentenza n. 466 del 27 febbraio 2017

Nel caso di legittima revoca della procedura di gara pubblica, l’aggiudicataria ha diritto al pagamento dell’indennizzo ivi previsto, da ragguagliare in via equitativa alle spese relative alle attività preliminari che l’impresa ha posto in essere sulla base del convincimento che l’affare sarebbe andato a buon fine sino alla conclusione del contratto (in tal senso, ex multis, T.A.R. Toscana, Sezione I, n. 238/2016).
Tale indennizzo deve essere, quindi, commisurato al solo danno emergente e, dunque, ai costi sostenuti fino al momento della revoca, sia per la partecipazione alla gara, sia per le lavorazioni preliminari eventualmente effettuate, con esclusione di qualsiasi altro pregiudizio dalla stessa dichiarato, senza peraltro che l’importo debba necessariamente coincidere con l’effettivo esborso sopportato, potendo esso essere equitativamente liquidato (Consiglio di Stato, Sezione VI, n. 5993/2012 e Sezione V, n. 2013/2015).
Nello specifico, detto indennizzo andrà commisurato alle spese di seguito indicate: costi di partecipazione alla gara, spese di progettazione, di pianificazione dell’offerta, consulenze esterne, polizze fideiussorie, importi corrisposti per contratti di avvalimento e versamenti effettuati in esecuzione della disciplina di gara.
Non dovranno essere viceversa corrisposte le spese relative al costo del personale poiché tali oneri sarebbero stati ugualmente sostenuti dalla società, a prescindere dall’esito della procedura di cui si tratta, e non vi è prova che tali risorse siano state distolte da altre attività per il loro impiego esclusivo nell’appalto (in senso conforme, T.A.R. Campania, Napoli, Sezione I, n.139/2018).
Poiché tale indennizzo assolve ad una funzione di reintegrazione della perdita subita dal patrimonio della società istante, sul predetto importo andrà calcolata anche la rivalutazione monetaria nel periodo intercorrente tra la data di adozione del provvedimento di revoca fino alla data di deposito della presente decisione. Sulla somma così rivalutata si computeranno gli interessi legali calcolati dalla data di deposito della presente decisione fino all’effettivo soddisfo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.