Al di fuori del personale medico e tecnico di radiologia, per l’indennità di rischio radiologico bisogna provare un rischio effettivo

Corte di Cassazione,sentenza n. 16018 del 18 giugno 2018

Al di fuori del personale medico e tecnico di radiologia per il quale soltanto opera la presunzione assoluta di cui all’art. 1, comma 2, della I. n.460/1988, l’indennità di rischio radiologico presuppone la sussistenza del rischio effettivo di un’esposizione non occasionale, né temporanea, analoga a quella del personale di radiologia, sicché il lavoratore che richieda detta indennità, ed il congedo aggiuntivo ha l’onere di provare in giudizio l’esposizione qualificata in base ai criteri tecnici previsti dal d.lgs. n.230/1995, ovvero lo svolgimento abituale dell’attività professionale in zona controllata o l’assorbimento annuo delle radiazioni che la stessa comporta” (Cass. n. 17116/2015). Invece il personale ricorrente (ausiliario specializzato) non aveva accesso alle sale operatorie (zona controllata), se non a macchinari spenti, dunque a esposizione a rischio pari a zero, e che, il campo di radiazioni che definisce la zona di rischio è circoscritto a un raggio di due metri dallo strumento radiologico, oltre il quale, per tutti gli ausiliari il valore delle radiazioni riconosciuto è quello che la legge stabilisce per il personale non esposto e per tutta la popolazione (d.lgs. n.230/1995).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.