La legge 724/1994 vieta il cumulo tra pensione e consulenza, non con un altro rapporto di lavoro

Corte di Cassazione, sentenza n. 20466 del 2 agosto 2018

Già la Suprema Corte si era pronunciata in riferimento alll’art. 25 della l. 724/1994 con la sentenza n. 20523 del 2008, secondo cui il divieto contenuto nella norma è specificamente riferibile a tutte le attività aventi natura di lavoro autonomo, connotate dalla prestazione di un’opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, e, quindi, riconducibile alla nozione di collaborazione prevista dalla norma. E’ stato osservato con tale sentenza che la rubrica dell’articolo – il cui ruolo nell’interpretazione della norma è per comune consenso assai limitato – menziona gli incarichi di consulenza, ma il testo della disposizione contempla oltre ad essi anche quelli di collaborazione, studio e ricerca. Pertanto, rientra nell’ambito applicativo della norma ogni attività avente natura di lavoro autonomo, connotata dalla prestazione di un’opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, e, quindi, riconducibile alla nozione di collaborazione. La ratio della disposizione va ravvisato nell’obiettivo della trasparenza nel conferimento degli incarichi e nell’ulteriore fine di garantire risparmi di spesa impedendo il cumulo tra pensione e retribuzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.