In controtendenza: valida la notifica via PEC della cartella in formato pdf (non firmata)

Comm. Trib. II di Bolzano, sentenza n. 93/1 del 25 ottobre 2018

Soddisfa pienamente i requisiti di garanzia di riferibilità dell’atto all’amministrazione finanziaria e conformità all’originale. Questa è la conclusione a cui sono giunti i giudici della Commissione tributaria di secondo grado di Bolzano interpretando l’art. 22 del CAD (D.Lgs. 7/3/2005 n. 82) in senso favorevole all’Amministrazione finanziaria, pur se in controtendenza rispetto ad altra parte della giurisprudenza tributaria recentemente formatasi in materia. Nel caso di specie la contribuente aveva reclamato l’inesistenza della notifica della cartella mediante pec con semplice allegato in formato pdf per mancanza dei requisiti formali attinenti alla provenienza e alla immodificabilità dell’atto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.