E’ valido l’atto in materia fiscale sottoscritto digitalmente, anche se non sono stati emanati i decreti attuativi

CTP Pescara, sentenza n. 279 del 20 maggio 2019

È valida la sottoscrizione digitale degli atti di irrogazione sanzioni in relazione a parziale omesso versamento di contributo tributario unificato (CUT). Il contribuente aveva chiesto l’annullamento di un avviso di irrogazione sanzioni in quanto la possibilità di sottoscriverlo digitalmente era subordinata, ex art. 2, comma 6, bis D. Lgs. 82/2005 – esteso agli atti sanzionatori tributari dal d. Lgs. n. 217 del 13/12/2017, in vigore dal 27/01/2018 – alla successiva emanazione di decreti attuativi, mai promulgati. Ma concludono i giudici che l’atto è stato correttamente sottoscritto in via digitale e la previsione di decreti successivi non incide in alcun modo sulla validità della sottoscrizione digitale degli atti tributati emessi successivamente alla data di entrata in vigore del su citato decreto.