La sola titolarità di quote di maggioranza di una società, può integrare un conflitto di interessi per il pubblico dipendente

Corte di Cassazione, sentenza n. 31277 del 29 novembre 2019

L’Azienda USL n. 9 di G aveva comminato la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio e dalla retribuzione per un mese in relazione all’incompatibilità rilevata tra il rapporto dipendente del X con la USL e la proprietà in capo al predetto di quote (maggioritarie) di una società di capitali – la Y s.r.l. – che, in conflitto di interessi con la USL, si occupava dell’organizzazione e prestazione servizi accessori all’attività medica.
La Suprema Corte ha stabilito che, al pari della disposizione generale di cui all’art. 53 del d.lgs. n. 165/2001, anche quella di cui all’art. 4, comma 7, della I. n. 412/1991, persegue la finalità di garantire l’imparzialità, l’efficienza e il buon andamento della pubblica amministrazione, in ottemperanza a quanto prescritto dall’art. 97 Cost., nonché quella di evitare la creazione di centri d’interesse alternativi all’ufficio pubblico in capo al sanitario, che lo distoglierebbero dai propri doveri istituzionali.
Dovendosi valorizzare la portata rigorosa della previsione di una incompatibilità ex ante per il sola titolarità da parte del X di quote di maggioranza della società Y, tanto bastava a far ritenere integrata la situazione di incompatibilità di cui al sopracitato art. 4, comma 7, della I, n. 412/1992.
Non era certo l’Azienda sanitaria a dover dimostrare altro (conflitto di interessi in concreto ovvero effettivo danno per l’azienda) perché la partecipazione maggioritaria avente un oggetto sociale chiaramente indicativo di un interesse distinto se non inconciliabile rispetto alle attività del servizio sanitario nazionale è già in sé integrativa del divieto legislativamente previsto ed espressiva di una situazione di contrasto; tutt’al più era il X a dover dimostrare che a quel dato formale non corrispondesse alcuna realtà fattuale.
Né appare risolutiva la circostanza che l’Azienda fosse a conoscenza della indicata partecipazione azionaria del X sin dal momento della sua assunzione in servizio avvenuta nel 2004, atteso che la stessa al più poteva rilevare ai fini di una tardività della contestazione disciplinare non certo ai fini di un’autorizzazione implicita dell’azienda ad un comportamento contra legem.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.