E’ confermato: l’ASL può traslare sui pazienti il costo dell’IRAP per le tariffe intramoenia, ma non può trattenere la somma dal compenso dei medici

Corte di Cassazione, sentenza n. 155 del 8 gennaio 2020

La ricorrente Azienda Ospedaliero-Universitaria, lamenta a carico della Corte territoriale l’erroneità del convincimento da questa espresso circa l’avvenuta detrazione dell’importo dell’IRAP direttamente dal compenso spettante alla dott.ssa X, derivante dall’omessa considerazione della pattuizione intervenuta con il capo dell’equipe medica di cui la dott.ssa X era parte quale medico anestesista per cui i compensi erano percepiti al lordo dell’IRAP.
Tutti i suesposti motivi, i quali, in quanto strettamente connessi, possono essere qui trattati congiuntamente, devono ritenersi del tutto infondati.
A tale soluzione induce l’orientamento accolto da questa Corte con la sentenza dell’11.1.2016, n. 199, in base al quale l’onere dell’IRAP è a carico esclusivo dell’Azienda che può solo trasferire sui pazienti il relativo onere previo adeguamento delle tariffe, essendo per converso escluso che la disciplina del contratto aziendale possa configurare oneri a carico dei medici in tema di adeguamento delle tariffe con aumento del valore corrispondente all’aliquota IRAP dovuta dall’Azienda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.