Per gli incarichi legali, la regolarità contributiva va verificata prima dell’affidamento del singolo incarico

ANAC, delibera n. 303 del 01 aprile 2020

Un Comune ha formulato un quesito relativo alle modalità di verifica del possesso del requisito di regolarità contributiva di cui all’art. 80 d.lgs. 50/2016 nel caso di affidamento di incarichi legali di cui all’art. 17, comma 1, lett. d), d.lgs. 50/2016
Secondo l’istante, alla luce della normativa vigente, sarebbero possibili tre diverse soluzioni: a) i requisiti di cui all’art. 80 d.lgs. 50/2016 dovrebbero essere posseduti all’atto della richiesta dell’iscrizione nell’apposito elenco di professionisti; b) la regolarità contributiva andrebbe verificata al momento del conferimento del singolo incarico; c) la regolarità contributiva dovrebbe essere verificata solo al momento della liquidazione.
L’ANAC ha risposto che per l’affidamento dei servizi legali di cui al citato articolo 17, comma 1, lett. d), punto 1, nel caso in cui l’amministrazione abbia provveduto alla costituzione di un elenco di professionisti, tale verifica va effettuata in occasione delle specifiche procedure per cui i soggetti iscritti nell’elenco sono interpellati, ferma restando la facoltà della stazione appaltante di verificare il possesso dei requisiti generali di cui all’articolo 80, anche ai fini dell’iscrizione nell’elenco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.