No alla particolare tenuità del fatto per il delitto di frode nelle pubbliche forniture, laddove si realizza attraverso una pluralità di atti

Corte di Cassazione, sentenza n. 12073 del 14 aprile 2020

E’ del tutto infondato il ricorso laddove si duole del mancato riconoscimento della particolare tenuità del fatto. Il delitto di frode nelle pubbliche forniture, laddove riguardi contratti di somministrazione di beni o servizi, si realizza attraverso una pluralità di atti, senza tuttavia perdere la sua struttura unitaria, poiché ogni singolo inadempimento rappresenta soltanto l’aggravamento di un’offesa già inferta ed in essere, e perciò l’approfondimento di un disvalore della condotta già emerso e non, invece, un ulteriore autonomo momento di disvalore. Ad un tempo, però, ciascuna omissione, proprio perché contribuisce ad accentuare la lesione arrecata al bene giuridico protetto dalla norma, non può consistere in un mero post factum penalmente irrilevante. In siffatte ipotesi, dunque, il delitto di cui all’art. 356, cod. pen., assume la struttura di un reato “a consumazione prolungata”, che si realizza attraverso condotte reiterate, e comunque plurime: le une e le altre, indicate dall’art. 131- bis, comma 3, cod. pen., quali forme di manifestazione di quel «comportamento abituale», che, per espressa previsione ivi pure contenuta, esclude la possibilità di applicare la causa di non punibilità in questione, anche in caso di particolare tenuità di ciascuna singola azione od omissione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.