Le Sezioni Unite decidono: ai crediti derivanti dalle distinte contabili delle farmacie, non sono applicabili gli interessi da transazione commerciale

Corte di Cassazione, SS.UU., sentenza n. 26496 del 20 novembre 2020

Deve formularsi il seguente principio di diritto: “qualora la pubblica amministrazione competente, nella vigenza del d.lgs. n. 231 del 2002 nel testo anteriore alla novellazione di cui al d.lgs. n. 192 nel 2012, abbia tardivamente corrisposto al farmacista la seconda quota di ristoro relativa alla dispensazione dei farmaci di classe A, sulla relativa somma sono dovuti gli interessi all’ordinario tasso legale, non essendo applicabili gli interessi moratori di cui all’articolo 5 del suddetto d.lgs. n. 231 del 2002, in quanto limitatamente a tale dispensazione il farmacista è componente del servizio sanitario nazionale”