Medico finge infortunio sul lavoro: quasi sei anni di reclusione e 150.000 euro di danno erariale

Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per il Piemonte, sentenza n. 159 del 6 maggio 2021

A fondamento della richiesta risarcitoria vi è una fattispecie di truffa perpetrata ai danni delle Amministrazioni pubbliche e, in estrema sintesi, sostanziatasi nella simulazione dell’’esistenza di gravi patologie derivanti da un presunto infortunio sul lavoro, con l’’indebito profitto consistente nel riconoscimento dell’’indennità di mancato preavviso dal proprio datore di lavoro, della pensione di inabilità Inps, dell’indennizzo Inail per infortunio nonché dell’’indennizzo assicurativo dalla Compagnia Reale Mutua.
In relazione a tali episodi, con sentenza n. 27/2016 del 13 gennaio 2016 del Tribunale di Torino veniva condannato per i reati di falso ideologico e di truffa aggravata, consumati e tentati, alla pena di anni cinque, mesi nove e giorni dieci di reclusione.
Infatti, è risultato che il convenuto X “ha volutamente provocato l’incidente sul lavoro per poi simulare le gravi patologie agli arti (superiore destro ed Inferiore destro) e all’occhio destro al fine di richiedere laute indennità ad enti pubblici e alla propria assicurazione” (cfr. sentenza di condanna di primo grado).

Alla luce di quanto esposto, il medico va pure condannato al pagamento dei seguenti importi:
€ 41.144,09 in favore dell’’Inail
€ 25.551,25 in favore dell’’Inps
€ 83.253,55 in favore dell’’Azienda Ospedaliera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.