Attività non autorizzate: la rassicurazione verbale non evita il danno erariale

Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per l’Emilia Romagna, sentenza n 225 del 17 giugno 2021

Una mera eventuale rassicurazione verbale non può escludere certo il riconoscimento della responsabilità amministrativa per danno erariale in questa sede del convenuto per i compensi percepiti in assenza di necessaria autorizzazione.
Ciò varrebbe persino se il convenuto avesse ricevuto una “verbale” autorizzazione, perché tale circostanza non esimerebbe, comunque, il dipendente pubblico dal richiedere, e dall’ottenere formalmente l’espressa autorizzazione scritta dell’amministrazione di appartenenza, prima di intraprendere qualsivoglia attività potenzialmente incompatibile o comunque extra-istituzionale.
E’ principio fondamentale del nostro ordinamento pubblicistico, infatti, che la pubblica amministrazione non esprima la propria volontà per fatti concludenti (che, infatti, possono assumere rilevanza giuridica in ristrette ipotesi eccezionali, ed a condizioni e presupposti ben determinati), ma soltanto attraverso un’attività provvedimentale espressa, dal momento che quest’ultima è la sola a consentire di assicurare la trasparenza e l’imparzialità di azione dell’ente, e la puntuale verifica della corretta ponderazione degli interessi pubblici coinvolti.
L’autorizzazione allo svolgimento di incarichi extra-istituzionali deve essere, infatti, necessariamente richiesta e rilasciata in forma scritta (motivo per cui la sua sussistenza non è suscettibile della prova testimoniale, cfr. art. 2725 c. 2 Cod. civ.), “al fine di consentire un oggettivo riscontro, anche a distanza di tempo, in ordine al suo effettivo rilascio, alla data della richiesta e del successivo rilascio, alle verifiche e valutazioni effettuate, in via preventiva, dall’Amministrazione (in relazione essenzialmente al profilo della insussistenza di situazioni di conflitto d’interessi e di compatibilità dell’incarico autorizzando con gli obblighi di servizio del dipendente), nonché ai termini e limiti dell’intervenuta autorizzazione” (cfr. Corte dei conti, Sez. giur. Toscana, n. 79/2017).
Se, poi, il convenuto ritiene di aver subito un danno dalla fuorviante rassicurazione asseritamente ricevuta dalla dirigente potrà, se ne sussistono le condizioni, eventualmente agire in altra sede nei confronti di questa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.