Nel reato di accesso abusivo al sistema informatico, l’indirizzo IP può ben identificare l’utilizzatore, a meno che l’imputato non contesti, a sua volta, l’accesso abusivo alla propria rete

Corte di Cassazione Penale, sentenza n. 20485 del 9 maggio 2018 Continua a leggere