In caso di attività non autorizzate le somme percepite devono essere riversate all’amministrazione di appartenenza con gli interessi calcolati dal momento della percezione

Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale Campania, sentenza n. 339 del 17 settembre 2019
Continua a leggere

L’IRAP è dell’ASL, perchè l’intramoenia è attività dell’ASL

Corte di Cassazione, ordinanza n 15898 del 26 giugno 2017

Secondo un medico che aveva presentato ricorso per il rimborso dell’IRAP, la Commissione regionale aveva errato laddove aveva ritenuto che l’attività libero-professionale intramuraria sia attività sanitaria svolta dall’aziende sanitarie locali mentre era l’attività libero professionale svolta dal medico ad essere assoggettata, seppur illegittimamente, all’imposizione IRAP e non quella dell’azienda sanitaria. Continua a leggere

La libera professione non autorizzata rende priva di causa l’erogazione di tutte le indennità collegate all’esclusività

Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per la Liguria, sentenza n. 19 del 4 aprile 2017
Lo svolgimento non autorizzato di una attività libero professionale comporta, inoltre, indipendentemente dal luogo in cui la stessa sia svolta, dalle modalità di svolgimento e dall’impegno profuso, la violazione dell’obbligo di esclusività Continua a leggere