L’obbligo di fedeltà del lavoratore non può trasformarsi in dovere di omertà

Corte di Cassazione, sez. L, sentenza n. 4125 del 16 febbraio 2017

Il Collegio ritiene di dovere dare continuità all’orientamento già espresso da questa Corte che, chiamata a valutare condotte analoghe a quella addebitata al ricorrente, ha escluso che la denuncia di fatti di potenziale rilievo penale Continua a leggere